Wednesday, February 27, 2019

Melting Sneakers: Moon Magic

Charlie does not want to run, but he must. He does not want to sweat out the clothes he is wearing, but he does not want to change. He simply wants to sit and stare into the nothing. It is not always about doing what we want to do, Charlie. In fact, it is more often quite the contrary. The same can naturally be said of running. He must change his clothes and run.

We trample through life acting as though each step forward is by choice while our internal narcissist tells us that we are making the best choices. It is all an illusion. Maybe we should be choosing more of the choices that we do not want, the choices that are more difficult than floating through life with indifference and the entitlement that goes along with treating others like shit. 

If there is a desire not to run, then this is the moment in which Charlie must run. It is February in Phoenix. Last week, it was raining and below freezing. Today, the sun screams down a strange piercing heat that stings the skin, paradoxical, yet more accommodating to the hallucination-inducing abusive runs Charlie prefers. A hoodie will ensure a heighten level of personal torture. These sauna-like runs are the only things that help Charlie quiet the spirits that consume him. They are ruthless and persistent, constantly scratching deep into his psyche. They run with him. He cannot fight them. He can only run faster, longer, and harder. Running with a sore body is easier than running with a sore soul. If a wall stands in his way, Charlie must swing punching until he can run through it. Whatever it takes, at this point, he must keep running. 

They say last the last mile is the hardest. That second-to-last mile is the real bitch though. The finality of the last mile helps any beaten-down runner. What is there in the second-to-last mile to get you through other than another mile after this pre-conclusion of burning feet and primal rage ripping through the veins? Running with the emptiness, there is nothing to feel. Running each step with the winds blowing through the past, let the hounds have their way, a quiet god will have his say, the spirits dancing in the brush along the path. The gravel that digs into the toes is an escape from the numb drain of each rising moon. 

Charlie laces his shoes with a single knot, because nothing is forever. It is not as warm as it seemed at first. Trample their temples with a pair of Nikes and a deck of Piedmontese tarot cards strew across the trail, hike up that mountain, turn up the heat, a blood offering spews from his fist, the dust trails behind, dripping down his fingers, red mud. His chest is tight; focus that beast forward, force the soles of those shoes off the ground. 

Charlie likes his music loud and angry, dynamic yet simple, soothing and peaceful, songs of death and love. The songs of death a chemical reaction similar to the façade of happiness, songs of love a type of depressing void that pushes Charlie to run laps in the emptiness. He thinks of Sophia and Tony. His thighs push down harder, they do not seek more speed. They want to propel Charlie into a rage of nothingness. His calves explode down onto the pavement. 

The concrete fights back, pushing Charlie to edge of losing bodily control. Charlie’s legs try to crack the path, pushing back, Charlie’s thoughts fade, now four steps behind Charlie, unable to catch back up. Charlie cannot stop until it starts to fade. He must go faster. Everything in Charlie tries to push him faster, every muscle in his body wants to sprint out of his body faster than the other. Nothing he does will let him forget. They will not let him go. He feels a collapse approaching. 

What if he could cause himself to spontaneously combust? His toes are swelling. His toenails feel as though they are going to burst. His body wants him to stop. There is a point in which this intense fuel will merely cause injury, but Charlie has lost sight of the next stride. He merely streaks a wide escape of memory’s night terrors. That steep hill at the sixth mile of Charlie’s favorite 10.5K route approaches. Give maximum power and effort on hills to increase general running speed and stamina. Charlie lets out an anguished roar. Full speed up that hill, push it, push it real good, full speed up that hill. Don’t stop. Push it, dig deeper, faster, harder, pushit, all the way up that hill. Just like that, don’t stop, all the way up that hill. Harder.


Obviously, only the words in this post are a work of my authorship. 

Monday, February 25, 2019

Red Apples, Tattooed Hearts and the Anger of a Dead Man's Scabbed Hands

Everything red - Everything splattered in blood - Everything red - Everything splattered in blood

Dripping from our hands - Wolves we feast

Everything Red - Everything splattered in blood - dripping from our paws - biting - ripping at their necks

Everything red - Everything ends - Everything splattered in blood

Scabbed hands - Everything blood - everything blood. Grant me this one wish:

Everything red - Everything blood - Everything dead - Ripping at the flesh - Everything blood - Everything red

Sunday, February 24, 2019

Melting Sneakers: Transformazione

Melting Sneakers (prelude p. i)

He takes a deep drag of his cigarette, and stares into the blinding desert sky. 112 degrees Fahrenheit, it takes a special kind of person.

He started running six months prior to this pointless moment of so-called self-improvement insanity. It is something more than physical fitness and health. Maybe health has something to do with it after he snuffs the cigarette out with the bottom of his shabby dad shoes, dirt poor, duct taped shoes.

He used to walk to work until the center of the sole would evaporate into a hole, after two weeks of stepping directly on rocks, he’d get a new pair and reset the process. He bought a pair for twenty dollars once, those lasted two weeks. The shitty shoes he carelessly plans to trot across the luxurious cracker-white bike path will hold up for now, but this sloppy mess will eventually need some multi-national brand running shoes. That is still quite a bit down the proverbial road though. His boat feet still require a “wide” size, a nice way of saying that he needs a fat shoe.

Honestly, the notion of this man’s feet running is an egregious proposition in the first place. They are a subject that unsettle the strongest of stomachs. He seriously has not put the cigarette out yet. He’s the kind of heifer that works up a sweat before the workout even begins.

Thursday, February 21, 2019

The Maximum Volume of Morosity

Picture taken by unknown (12/21/18)
This is not a pursuit of serenity. No, what lays strewn out before us is the entrails of all of my torment twisting the bile of my guts, tears and shit smeared across a canvas of isolated pain buried deep in the cave of a black heart festering with the gangrene of betrayal and abandonment.

I am not seeking solace or transcendence. This is instead the pursuit of pushing beyond and clawing for the center of desperation. This is not the point of pressure in which the puss snaps out of the head offering slimy and sexual satisfaction, but rather a deep footing in the brewing ache of infection and the resentment that fills life's pores.

Dancing for more rain, so that I may remain shut in with the pain. Dancing to stay insane. Running in the rain. Dancing insane.

Wednesday, February 20, 2019

Fernando di Leo: Il maestro del cinema nero (Republish from UTDF)


Introduzione
http://amzn.to/2kMBnWb
Fernando Di Leo è stato un sceneggiatore e un regista italiano. Come un regista, Di Leo ha girato venti film, e ha scritto più di quaranta sceneggiature (Rea). Il lavaro di Fernando Di Leo è influente, discusso e molto divertente. Di Leo ha influenzato un po’ dei più rispettati registi di oggi come Quentin Tarantino e John Woo (Coacci). Nonostante la sua influenza, i suoi film e la sua influenza dei film di oggi sono quasi dimenticati e considerati non sono nelle grazie ai pubblici film.  Tuttavia, i suoi film rimangono entrambi testimonianze sociali della cultura italiana importanti del passato e del presente, e i suoi film sono i fondazioni di molti film gialli criminali.
Questi film e il suo lavaro sono spesso classificati in maniera impropria come film poliziotteschi, ma Di Leo ha girato solo uno film che sarebbe considerato un poliziottesco, Il poliziotto è marcio
http://amzn.to/2kMBnWbCome Gordiano Lupi ha scritto nel suo libro Frenando Di Leo: E il suo cinema nero e perverso, “Di Leo non usa i meccanismi e gli stereotipi del poliziesco, non fa mai cinema consolatorio, evita di creare personaggi – caricatura e di cadere nei cliché del genere. Gira film noir e sono cosa ben diversa dal poliziesco” (Lupi 42). In realtà, i film di Fernando Di Leo sono film neri (o i film noir italiani) spesso ispiravano dal lavaro ed i gialli di Giorgio Scerbanenco. Mentre questi film ispiravano da Giorgio Sceranenco, Di Leo è considerato uno dei inventori dei film criminali italiani. Inoltre, Di Leo è anche considerato uno dei inventoru dei film western all’italiana (o spaghetti western,) e ha scritto le sceneggiature con Sergio Leone come, Per un pugno di dollari e Per qualche dollaro in più (Gomarasca). Molti film di Fernando Di Leo sono molti violenti e spinti, ma anche hanno i temi socioeconomici importanti. Anche se i film di Fernando Di Leo apparentemente si sono dimenticato e si sono ignorati dalla cultura di massa, i suoi film e il suo lavaro in generale sono un po’ dei più importante film della storia film, e Di Leo ha cambiato il modo in cui i film sono girato ed i tipi dei film che concedevano proiettare nel’Italia.

Una biografia di un sceneggiatore
Fernado Di Leo è nato nel 22 gennario 1932 a San Ferdinando di Puglia, ed è morto nel dicember 2003. Suo nono e suo padre sono stati gli avvacati, ed all’inizio della sua vita adulta Fernando si è iscritto a una facoltà di giurisprudenza (Coacci). Anche se glielo ha laureato, questo via ha finito velcomente dopo Fernando Di Leo ha vinto la “Coppa Murano” per il teatro sperimantale Lume del tuo corpo e l'occhio dalla “Aguna di Venezia,” una cerimonia di premiazione per il teatro (Poppi). Ma sembra che la “Aguna di Venezia”  non sia più in uso. Dopo ha vinto la “Coppa Murano,” Di Leo si è trasferito a Roma, ed è andato al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove ha laureato nel 1963. Il suo primo film ha diretto era un cortometraggio (“Un posto in paradiso”) per il film Gli eroi di ieri, oggi e domani, un film a episodi (Anicaflash).
Nonostante il suo inizio nella cinematografia era come un regista, il sua carreria successa ha iniziato grazie alle sue sceneggiature. Sopratutto queste prime sceneggiature sono state film western. Con queste sceneggiature, Fernando Di Leo ed altri registi e sceneggiatori stimati, come Sergio Leone e Víctor Andrés Catena, hanno inventato il western all’italiana, più spesso conosciuto come “il spaghetti western” (Coacci). Durante gli anni 1960, il spaghetti western furano molto successo, e Di Leo scrisse o fu coinvolto nel molti dei film più famosi come Per un pugno di dollari, Una pistola per Ringo, Per qualche dollaro in più, Navajo Joe e molti altri. Gli spaghetti western film e i loro cineasti hanno ispirato altri cineasti, e questo fenomeno è risulato nella produzione di centinaia di altri film. Due dei spaghetti western più famosi che Fernando Di Leo ha scritto con altri sceneggiatori sono Per un pugno di dollari e Per qualche dollaro in più, comunque Di Leo non ha attribuito per il suo lavaro perché delle sue politiche di sinistra (Gomarasca). Tuttavia, le sue politiche di sinistra e il suo punto di vista diventano i fondazioni tematici dei suoi capolavori.

L’inizia di un regista
Prima di Di Leo ha iniziato girare i suoi film neri, ha scritto e ha diretto il film di guerra Rose rosse per il fuhrer nel 1967. Questo film era il suo primo lungometraggio e il film usa molti di temi sinistri che risuonano in quasi tutto del suo lavaro, ma questo tipo film non è stato il suo forte e non è stato il suo genere di preferenza (Lupi). Sembra che Di Leo non abbia travato mai una genere di preferenza come un regista o come un scenggiatore. Invece, sembra che Di Leo semplicemente abbia avuto una preferenza per i film e i soggetti hanno radicato nelle controversie. Molti dei suoi film sono molto discusso, un po’ di sono affrontano i soggetti sensibili come la identità sessuale delle donne giovani e molti dei suoi film sono molto molto violenti.
Di Leo non era mai paura girare il tipo dei film che ha voluto girare. I temi e i soggetti dei suoi film eranno molto discusso, ma i temi socali eranno molto importante negli anni sessanta e negli anni settanta. Per espempio, nel suo film Avere vent’anni, i progtagonisti sono una coppia lesbica. Al tempo il film ha lanciato, il soggetto di una coppia lesbica ha considerato non solo bizarro, ma anche e sopratutto molto offensivo parlare di questi tipi dei soggetti (Gomarasca). Però, per Fernando Di Leo e molti dei suoi film, sembra che la indentità della giovinezza e il paesaggio culturale fosse spesso del più importenza. Intanto, il soggetto della omosessualità nel film Avere vent’anni era un realità in Italia e nel mondo, e Di Leo ha hetto che il film era solo una riflessione del mondo vedeva. I suoi film non eranno per giochi e divertimento. No, invence, ha pensato che il  tema di un film deva essere qualcosa che fa pensare e cambia il paesaggio culturale e il narrativo culturale degli italiani. Avere vent’anni ha un forte tema, ma il film fornisce una voce agli afoni del tempo e oggi.

I gialli di Giorgio Scerbanenco
Seguente gli spaghetti western, Rose rosse per il fuhrer e atri lavori minori dei film, Di Leo ha trovato i libri di Giorgio Scerbanenco, un scrittore dei romanzi criminali, conosciuto come i gailli (Gomarasca). Di Leo ha usato molti di questi libri come il soggetto principale dei suoi film o come le inspirazioni per i suoi personaggi e altri elementi dei suoi film. I critici hanno considerato Scerbanenco solo un scrittore dei romanzi “pulp,” ma per Fernando Di Leo questi libri hanno fornito un tipo di atmosfera e un narrativo culturale che ha voluto rappresentare nei suoi film (Lupi 65). Senza i libri di Giorgio Scerbanenco, Di Leo forse non avrebbe girato un po’ dei suoi migliori film. Il suo primo film bassato su un romanzo di Scernaneco dello stesso nome, è I ragazzi del massacro, ma questo film è stato solo l’esordio della sua carriera di film nero.
http://amzn.to/2kMBnWbMentre  Fernando Di Leo è spesso chiama un inventore del noir all’italiana, Scerbanenco ha influenzato molti altri registi italiani negli anni settanta, come Carlos Saura, Romolo Guerrieri, Duccio Tessari, Yves Boisset, e più (Lupi). Se Fernando Di Leo era il inventore del film nero italiano, era Scerbanenco che ha inventato i film gialli e i film poliziotteschi, senza ha girato mai un film. “Scernanenco è il vero punto di riferimento per la narrativa gialla e poliziesca italiana” (Lupi 65). Nello stesso momento, Scernanenco ha inspirato Fernando Di Leo fare il suo cinema nero, allora deva essere il vero punto di riferimento per la nera italiana. Dopo I ragazzi del massacro, Fernando Di Leo ha girato il film orrore La bestia uccide a sangue freddo con l’attore famoso nel mondo Klaus Kinski, ma Di Leo velocemente ha tornato al lavoro di Giogrio Scerbanenco per il suo film incredibile Milano Calibro 9.

Milano Calibro 9
Di Leo ha scritto e ha diretto il film Milano Calibro 9 nel 1972, e lo è il suo capolavoro. Milano Calibro 9 è non solo il suo capolavoro, ma anche il film che definisce Di Leo come un regista, come un sceneggiatore e come un attivista sociale. Il film mostra il suo stile violento e molti di suoi temi controversi. Prima di questo film i pubblici non hanno esposto al’idea che c’era una criminalità organizzata in una città come Milano, ma alla fine questa rivelazione era conosciuto come una realtà (Gomarasca). Milano Calibro 9 è il perfetto film nero. La colonna sonora è del compositore famoso e prolifico Luis Enriquez Bacalov, e gli interpreti sono Barbara Bouchet, Mario Adorf, Luigi Pistilli e il protagonista principale Gastone Moschin. Prima di Milano Calibro 9 Gastone Moschin era solo un attore della commedia all’italiana, ma questo fatto non è mai evidente nel film.
Gastone Moschin interpreta il personaggio di Ugo Piazza, un ex detenuto. Il suo capo del passato Rocco (interpreta da Mario Adorf) pensa che Ugo abbia rubato trecentomila dollari dalla sua organizzazione criminale. Rocco è pazzo e gli piace torturare le genti. Rocco e la polizia credono che Ugo abbia nascosto i soldi. Ovunque il film molti personaggi innocenti uccidono, e Ugo è uno di questi personaggi. Il film usa un narrativo unico, non c’è una fine felice. Di Leo ha voluto girare un film realistico. Ha voluto mostrare una immagina vera della mala e criminalità organizzata a Milano.

La trilogia della mala
            Di seguito al successo di Milano Calibro 9, Fernando Di Leo ha continuato raffinare il suo stile del film nero. In aggiunta, Di Leo ha continuato usare il lavoro di Giorgio Scerbanenco come uno delle sue ispirazioni per i suoi prossimi film. Il due film che hanno lanciato dopo Milano Calibro 9, sono  La mala ordina e Il boss. Questi due film sono anche buoni esempi del tipo di nero che Di Leo ha girato. Di Leo ha continuato usuare un stile ultravioletto e un narrativo non trattenuto per questi film. Inoltre la realtà, in un senso cinematografico, della mafia milanese e altri paesi inaspettato continua nei film La mala ordina e Il boss. Insieme, questi film Milano Calibro 9, La mala ordina e Il boss sono conosciuto come “La trilogia della mala” o “La trilogia del milieu.” La atmosfera di La mala ordina e Il boss è lo stesso come Milano Calibro 9, ma questi film non sono i continuazioni di Milano Calibro 9. Mentre sono chiamare una trilogia, non ci sono una trilogia nel tipico senso di una trilogia. Invence di sono in relazione con la trauma di Milano Calibro 9, sono in relazione con il stile, lo spirito e il soggetto di Milano Calibro 9. “I personaggi sono ambigui, complessi, mai totalmente buoni e cattivi, realistici, pieni di sfaccettature caratteriali. Di Leo preferisce finali tragici sconvolgenti al lieto fine, perché non ama tutto quello che nel cinema sa di contraffatto e di poco affine alla realtà che ci circonda” (Lupi 42).
            Tutti di questi film di “La triolgia della mala” sono stati molto successo in Italia e in molti paesi ovvunque il mondo. Negli anni settanta il tipo dei film che Fernando Di Leo ha girato, non hanno avuto plauso dalla critica, invece era gli spettatori che hanno voluto andare al cinema per un altro nero di Feranndo Di Leo. Non hanno vinto i premi, e Fernando Di Leo non è stato mai un nome familiare ovunque il mondo. Peró i suoi film hanno fornito molti altri registi, molti altri film e molti altri cineasti una via per facendo il tipo di film che vogliono fare. Dopo l’inzia degli anni ottanta. I film neri sono caduti fuori la favore del pubblico. Di Leo ha continuato girare i film, ma questi film non sono come influente, unico o interesante come Milano Calibro 9 o gli altri film della “Trilogia della mala.” A un certo punto, gli spettatori hanno dimenticato Fernando Di Leo e un po dei suoi migliori film.

Quentin Tarantino ricorda Di Leo
Nonostante gli spettatori in massa che hanno dimenticato Fernando Di Leo, c’è uno uomo che ha rifiutato dimenticare Fernando Di Leo e i suoi film. Questo uomo era il regista americano Quentin Tarantino. Dopo Di Leo è morto nel 2003, Tarantino ha scritto una dedica a Fernando Di Leo per il RaroVideo confezione cofanetto di DVD,  reimmissione nei circuiti di distribuzione dei film di Di Leo. La popularità per Fernando Di Leo salta un’altra volta. Però questa volta gli spettatori non vanno al cinema guardare i suoi film, invence Fernando Di Leo era un grande successo sul video. Purtroppo, questo successo era dopo Fernando Di Leo è morto.
http://amzn.to/2kMBnWbQuentin Tarantino spesso dice che Milano Calibro 9 è il fil in cui si è ispirato diventare un regista. Oggi, una citazione di Tarantino è sulla copertura del DVD di Milano Calibro 9, e sembra che una persona non possa parlare di Ferando Di Leo senza il soggetto di Quentin Tarantino. Tarantino ha detto che ha imparato come fare i suoi film da guardare i film di Fernando Di Leo. Inoltre, Quentin Tarantino ha derivato molte idee e un po’ dei personaggi per il suo film Pulp Fiction dal film di Fernando Di Leo, La mala ordina (Lozzi). Tarantino è forse il quasi solo ragione sappiamo Fernando Di Leo ed i suoi film nel’era moderna. Comunque, Fernando Di Leo ed i suoi film sono lavori importanti che hanno fondato un nuovo genere di cinema all’italiana.

Il poliziotto è marcio
Un altro film importante di Ferando Di Leo è Il poliziotto è marcio. Questo film è importante non solo perché il suo forte tema e titolo, ma anche perché lo ha influenzato le possibilità dei soggetti sensibili nel pubblico e come altri registi girano i loro film. Il protagonista di Il poliziotto è marcio è Malacarne, un poliziotto Milano con le sue mani della mafia. Questo soggetto era una grande controversia. Parlare del poliziotto come “marcio” ha pensato essere tanto offensivo. Dopo Il poliziotto è marcio, Fernando Di Leo era condannato del governo e il pubblico per un breve tempo. Peró, come i migliori film Di Leo ha fatto, questo film è solo una descrizione. “La realtà ci insegna che la storia del crimine è piena di poliziotti marci” (Lupi 31).

Conclusione
http://amzn.to/2kMBnWb            La carriera di Fernando Di Leo è molto interessante. Ha girato molti film di molti generi diversi. Il suo lavoro ha influezato il cinema e i registi di oggi. Il stile e i temi dei suoi film sono forti, molto controversi e molto importanti. Però Fernando Di Leo non ha voluto fare male al mondo, invence ha voluto intrattenere gli spettatori mentre anche provocare un cambiamento del mondo di cinema e il mondo in generale. Giorgio Sceranenco ha inspirato Fernando Di Leo, Fernando Di Leo ha inspirato Quentin Tarantino e Tarantino inspira i registi di domani. I loro lavori sono molto discusso, non sono per tutto, ma Fernando Di Leo non è dimenticato. Lui solo continua scrivere senza un nome, come l’inizia della sua carriera.

Bibliografia
Coacci, Simone. “Fernando Di Leo: Il rosso e il nero.” OndaCinema. OndaCinem, n.d. Web. 3 marzo  2016. http://www.ondacinema.it/monografie/scheda/fernando_leo.html
“Fernando Di Leo biografia.” ComingSoon.it. Anicaflash, n.d. Web. 3 marzo 2016.
http://amzn.to/2kMBnWbhttp://www.comingsoon.it/personaggi/fernando-di-leo/30861/biografia/
Gomarasca, Manlio. Fernando Di Leo: La morale del genre. Perf. Fernando Di Leo, Nino
Castelnuovo, and Howard Ross. RaroVideo, 2004. DVD.
Lozzi, Luigi. Anarchio del noir... Tricolore! All That Digital, 2 giugno 2014. Web. 3 marzo
2016.
Lupi, Gordiano. Fernando Di Leo e il suo cinema nero e perverso. Roma: Profondo Rosso, 2009.
Print.
Poppi, Roberto. I registi: dal 1930 ai giorni nostri. Roma: Gremese Editore, 2002. Print.
Rea, Luca. A Candid Interview with Fernando Di Leo on the Making of his Films. Minneapolis:
RaroVideo, 2004. Print.

Thursday, February 7, 2019

Sticky Note Blues

Let’s pluck the wings off this butterfly
Burn the cardboard box of lies
A fragment of your imagination
A tick tock in the brain goes pop
Hit it! Rollerblading on Saturn’s rings
I need to buy a puppy and a Pepsi
That humming
This dragon’s bloody head
That black cat outside our window
Fruit punch sacrament
It’s doesn’t get along well with others
We don’t either
A good luck charm
Sharing oranges
Caterpillar race on the highway, meaningless
A needle in the spine for fun
Double dip the psycho chocolate b-a-n-a-annas
My shit is Gilbert Grape
I say, take a baseball bat to the motherfucking dead horse
That’s just how I roll

We never got those milkshakes
Incomplete to-do lists
They say I do not communicate my thoughts and feelings well
Maybe I’m T-O-A?
Morons
Shmucks that schmuck through life high on hairspray and cupcakes
Dead slot machines, Styrofoam
Little lads that cut the throat of the devil
Stab the heart of god
No biggie
Drive-thru satisfaction
Fulfillment an entirely different direction
Two glasses of ice water with ice
Dull razors taste better in the desert

Surfing three moons to the left
Of a heartbeat
They’ll betray your birthday and dig down to the marrow
Disconnect
The wolf's piss in their bottles of chili is a good start
Disappear
Silence will be my greatest opus
Lollipops, licorice, and hand grenades
Morticians on the boardwalk selling lemonade
They will win at pain


Once I start rhyming about grenades and lemonade, I know I’m doing too much. Or maybe not? "Put it in a virtual drawer and never think about it again." I got bored with this one eventually, so I stopped. It happens frequently. So be it. Vaffanculo!

Tuesday, February 5, 2019

Randoms 2018

He said to take the train out of Coca-Cola city, but you bought a Pepsi.


There's no more pain to inflict
You cannot kill me anymore than I am dead
A long unending end
I am nothing, discarded
Tossed aside, thrown away, i rifiuti


This is not real
It's all a fucking sham
Fraud
Phony and fake
Destroy what is real
Live your delusions of grandeur
Your father plucked out your eyes
A perfectly positioned persona
To placate that aching pulse
I know what it is
I carry it too
It's not me
It's not you
It's something only we go through
Tell 'em you're alive
As you die inside


Visions of ultraviolence and pain
Digging into the center of flesh
Dreams of cutting out the mindbrain
Get out and move forward
Take it or leave it
It's all purely insane
Broken bones and burning homes
Doused in cologne


Just clearing out some old memos, so I can throw away, delete, and most likely never think about again. A dopo! 

Black Heart #43

I do not love you
I loved you, whatever you is
For a very long time
However, I do not love you anymore
Only hate and apathy remain.

I miss my best friend, she’s dead
Something else in her head
Something twisted
Family blacklisted
It was not real
Lies, all lies

She became our warden in a prisoner’s uniform
Held hostage by my worst nightmare come true
"It's good that you can't run now"

I do not love you
You were my everything
I do not love you anymore
Motherless children
I miss my best friend, she’s dead
Her body dismembered on the bed
Only hate and apathy remain
I never thought this could be

I do not love you anymore

Sunday, February 3, 2019

Un po' dei lirici metal (bozza)

I must kill the you in me

You must hate me.
Despise me
Ridicule me
Throw me away
Despise me
Ridicule me
Throw me away

Take the dead dog's head
Roll it down the stairs
I'll be there
This cauldron stays hot in the sun
They talk of witches and warlocks
Fleas, tiny fleas
Flick them in the fire

I must kill the you in me
I can still feel something
It will not go away
I must kill the me in you
Bring me Nothing
I must kill the you in me

You must hate me
Despise me
Ridicule me
Throw me away
Despise me
Ridicule me
Throw me away

Despise me
Ridicule me
Throw me away
Despise me
Ridicule me
Kill it away

I am the foundation under you altar
Every room and corner marked
The spirits on my side
I tried. Tried not to wake Him
But here He is
Tear it all apart, tear it all down
Throw it all away, don't save a thing
Give 'em nothing, kill 'em good
Smash it, smash it, smash it good
Tear it all down
Smash it, smash it, smash it good
Let it bleed through the seasons

I must kill the you in me
I can still feel something
It will not go away
I must kill the me in you
Bring me Nothing
I must kill the you in me

You must hate me
Despise me
Ridicule me
Throw me away
Despise me
Ridicule me
Throw me away
So I may take back this day
This is what I need to be
This is how I get free
No more
No more you and me
No more we

Siamo niente, siamo morti
Io sono niente, io sono morto
Io sono il morte
Loro sono niente, loro sono morti
Una peste
Sono niente, sono morte
Una peste

Sunday, January 27, 2019

Incantesimo no. 43

Smoke clouds and dead flowers
May the cowards choke on the rotting flesh of their families
 May fourteen generations of their kin suffer the pain of my children tenfold on tenfold
Their bodies mangled from inbred cannibalism
The snake will bite
May the cat drag another rat
 As the bodies lay cold in the night
Let them share the virus in the air
I burn another lock of her hair
My blank stare, a plague seems fair
Protezione per mia vera famiglia
May his mother eat out his eyes in front of me as the wolves rip her face from the skull
Her picked dry skull to be used as a bowl per la moglie mangia the tounges of all their friends and company, Sei un cancro. Non sei niente più di cancro. Mi dispiace.
L'inverno dei Pezzati è bello

Friday, January 4, 2019

The Zombie's Pain

Pain, you don't know pain
Hate, you don't know hate
Anger, you'll never know my rage
This torment inside
It will not go away
But that's okay
The skull on the wall
I can only dig and fade
A taste of decaying flesh
Sweet to the touch
Cold to the taste
I can only die
There is nothing left of me to kill
Nothing left inside to die
     Eat brains

Secrets

She used to watch me as I slept
   She thought about killing me
   She thought about loving me
   Forever in love
   She raised the knife above my chest
   She thought about loving me

I wish she would have stabbed me in the throat
   Anything would be better than this
I wish she stabbed me in the heart
   I do not need it anymore
   Anything would be better than this

Another Year

I like a space that no one really looks at as a place for writing. Do not pay me any mind. It can be that tree falling in the forest with no one around, and that is just fine. It is the way it must be. I can lock myself into oblivion, a dark hole for dwelling and watering my two flowers. Sono niente, sono morte. I can carve out a better world with pain and emptiness. Not feeling pathetic feels better than love. All I have is love, loyalty, and a cardboard box, but it is better to bury them in the desert like a dead snitch. This is to create beauty out of destruction and torment. It is not hiding but rather hibernation. Dormi bene e sogni d'oro. All I need are my two flowers. All I have are these two flowers. Nothing will take my flowers. I miei fiori sono i fiori di forza. Dormi bene e sogni d'oro. Buonanotte.

Friday, May 26, 2017

Daring Denial

They make pastrami sandwiches of Palestinians
And stir fry of the Congolese
Subjugate
Purple is power

Real life in high-deaf technicolor
Whites meditate and pray

Broken spines stretched across the dirt road to salvation
The stench of rotting corpses covered in concrete
Pristine
A pine tree that hangs from the entryway like a
Missile they tow their pain
Through fields of garbanzo beans and olive trees

This fever that melts ice
News America does not care to hear
News denied daily by dimwit dignitaries
Denying disagreement
Denying devastation

It is neither freedom nor a solution
It will not cleanse our stained hands

But we will speak
Let them cut out our tongues
We will speak 

Turtle Shell

There are these moments in which one cannot grasp their own disposition. There are times in which we do not know what we are thinking. We dig into the bottomless abyss of confusion and the unknown. Some people call it fear, and it certainly leads many to desperation. We need a safety jacket caught in this stream of uncertainty, but we merely confuse it with a ladder.

Blind beasts of desire, terrified of ourselves.